Il Silenzio di Lenth

lenth_cover_thumPremetto come al solito che io le recensioni non le so scrivere, se volete trovare recensioni del libro di Luca potete trovarle due, una qui e una qui. Cosa posso dire del libro di Luca? Che le prime quaranta pagine, l’inizio, mi ha fatto quasi addormentare, per quanto interessante, era troppo confuso… poi però il libro migliora nettamente con la storia di Windaw. Sicuramente l’aspetto più innovativo di questo romanzo è quello religioso, che mi ha ricordato molto il videogioco Black & White. Anche se qui non c’è nessuna creatura gigante. L’aspetto in comune è la divinità che controlla e gestisce la vita di tutte le persone che la adorano. Adoravo quel gioco perché si poteva scegliere se essere cattivi o buoni… non potevo resistere alla tentazione di lanciare i villici dall’altra parte del mondo. Non che le divinità di Luca lancino le persone dall’altra parte del mondo, ma comunque le comandano a bacchetta, costrigendole a compiere ogni possibile azione che possa avvantaggiarli. C’è una bella riflessione sulla fede, sul culto, sulla religione, è una critica a certi aspetti di certe religioni e di certi culti. Non mi stuperei se trovassimo Luca crocifisso a testa in giù come vendetta da parte di qualcuno… Passando ai personaggi, quello che preferisco è Zoria, mentre tutti gli altri, soprattutto gli appartenenti alla “tribù” del protagonista Windaw mi sono parsi una manica di idioti.

Comunque aspetto il secondo libro, dato che questo mi ha veramente incuriosito molto e vorrei sapere come continua, perché come ogni libro fantasy che si rispetto fa parte di una trilogia…