Eternal war – Gli eserciti dei santi di Livio Gambarini

Ormai più di qualche giorno fa ho finito questo libro della Acheron Books che avevo preso a Lucca cioè “Eternal war – Gli eserciti dei santi” di Livio Gambarini (che ho incontrato a Lucca ed è stato tanto gentile da portarmi il libro ed autografarmelo). Sono rimasto assai soddisfatto dalla lettura che mi conferma che questa casa editrice, almeno per quello che ho letto io per ora, riesce a sfornare del fantasy\fantastico italiano bello, particolare e di tutto rispetto. L’ambientazione del libro è la Firenze del tredicesimo secolo durante le guerre tra guelfi e ghibellini, seguiamo lo spassoso Kabal l’Ancestarca (sorta di spirito guida\fusione delle anime dei patriarchi di una famiglia) della famiglia Cavalcanti. E devo dire che ho apprezzato davvero moltissimo l’ambientazione, è un periodo storico molto interessante e coinvolgente, ricco di spunti (anche di riflessione). Sicuramente quello che ho appezzato di più in questo libro è stata la creazione del mondo “spirituale” che ha fatto Livio, davvero molto ingegnosa, il fatto che le “nostre” guerre si riflettano ed influenzino gli spiriti (e viceversa) l’ho trovato davvero un colpo di genio. Inoltre tutti i vari spiriti, spiritelli, demoni, divinità, ecc… che popolano le lande “immateriali” sono fantastici. Ci sono dei personaggi, tra questi spiriti, che sono davvero divertenti e interessanti. Mi è piaciuto anche il fatto che Livio abbia “usato” personaggi storici veramente esistiti (ma non dico chi, per evitare spoiler, cerco di rimanere sul vago), soprattutto due note famiglie fiorentine, che rende ancora più interessante questo romanzo. E Kabal è davvero eccezionale, simpatico, quasi quanto Bartimeus e il Teschio parlante di Lockwood & co. Un’altra cosa che mi è piaciuta moltissimo è stata Roma, com’è stata rappresentata, tutti i suoi pericoli e le sue insidie. Livio scrive davvero molto bene, in maniera scorrevole, ho letteralmente divorato il libro in pochissimi giorni (ma è una cosa che mi capita con tutti i buonissimi libri della Acheron Books devo dire XD). L’unico appunto è che mi è sembrato che il finale fosse un po’ affrettato, qualche pagina in più, a mio parere per concludere meglio la vicenda avrebbero davvero giovato. Concludo scrivendo che spero di leggere un continuo di questo tomo perché voglio sapere come continueranno le avventure di Kabal… sarebbe interessante vederlo alle prese con il mondo moderno. Chissà cosa ne penserebbe!