Game of Thrones 2×09

Siamo già arrivati alla penultima puntata, probabilmente una delle migliori di questa seconda stagione. Questa puntata è interamente dedicata alla battaglia di Blackwater (delle Acque Nere in italiano). Per quanto ci siano tagli e cambiamenti dovuti al budget, questa puntata è assolutamente stupenda sia per gli effetti speciali, l’altofuoco è davvero stupendo, sia per i personaggi, sia per come è stata resa la battaglia. Va dato merito al regista dell’episodio Neil Marshall e allo stesso Martin che ha scritto quest’episodio. E’ una puntata epica come poche. Tyrion è stupendo come al solito, riesce a contenere gli assalitori, riesce a tenere alto il morale delle truppe dopo che Joffrey torna impaurito nelle sue stanze, combatte e ammazza. Davvero stupendo e bravissimo Peter Dinklage. Bravissima anche Lena Headey sia nel suo dialogo con Sansa, sia nella scena finale prima dell’arrivo di Charles Dance che fa proprio un’entrata trionfale. Mi è piaciuto poi molto il dialogo tra il Bronn e il Mastino e poi quello che è succede a quest’ultimo è davvero rappresentato benissimo. (e comunque Sansa è davvero cogliona a rimanere lì). Avevo molto aspettative in quest’episodio perché succedono molte cose, la battaglia, il tradimento di Ser Mandon, l’arrivo del “finto” Renly, e tutto mi ha soddisfatto.  Il tocco di classe poi è il fatto che hanno cantato la canzone, che spesso sentiano nei libri, “The Rains of Castamere“, oltre che sentirla cantata da Bronn e dai soldati Lannister per farsi coraggio è bellissimo sentirla alla fine, cantata in quel modo, che chiude fantasticamente questo episodio. Il prossimo è l’ultimo. Valar Morghulis.

 Immagine presa da qui.