Muses di Francesco Falconi

Il quindici maggio uscirà in libreria l’ultima fatica letteraria di Francesco Falconi, intitolata “Muses” edito dalla Mondadori nella collana Chrysalide. Sono proprio curioso di leggere questo nuovo libro di Francesco sia perché la trama sembra molto interessante sia perché voglio di vedere cosa si inventa questa volta questo toscanaccio di scrittore, come si è evoluto il suo stile, la sua scrittura. Bisogna dire che Francesco ha cambiato spesso stile e genere passando da “Estasia” fino a “Nemesis” è sempre stato una sorpresa vedere come cambiassero i suoi libri. La trama di “Muses” è davvero promettente si parla di una Londra goticheggiante, di una ragazza, Alice, con dei poteri che non conosce e che ha ereditato dalle sue antenate, le Muse, e di una società segreta che farà di tutto per eliminarla. Ma che cosa sono le Muse? Per chi non lo sapesse, prima di tutto un po’ di frustate, poi le Muse erano delle divinità della mitologia greca, tradizionalmente indicate come figlie di Zeus e di Mnemosýne (anche se è un mito più tardo rispetto alla loro “nascita), erano legate all’Arte ed ognuna presiedeva ad una particolare forma artistica. Venivano invocate dai poeti  e dagli scrittori all’inizio delle opere, come fa Omero all’inizio dell’Iliade che si rivolge alla Musa della poesia epica cioè Calliope:

« Cantami, o diva, del Pelìde Achille
l’ira funesta che infiniti addusse
lutti agli Achei, molte anzi tempo all’Orco
generose travolse alme d’eroi,
e di cani e d’augelli orrido pasto
lor salme abbandonò (così di Giove
l’alto consiglio s’adempia), da quando
primamente disgiunse aspra contesa
il re de’ prodi Atride e il divo Achille. »

Quindi sono proprio curioso di vedere come ha reinterpretato Francesco queste figure classiche della mitologia greca, vi lascio qualche link a Wikipedia se volete saperne di più sulle Muse, al libro Muses con la sua pagina su Facebook e alla pagina del libro sul sito di Francesco per tenervi sempre aggiornati sugli sviluppi di Muses. Potrei anche scrivere qualche post, usando come riferimento “I Miti Greci” di Robert Graves, qualche post dedicato alle Muse. Intanto ecco la splendida copertina del libro!