Apocalypse Slayers

Con il gruppo di amici con cui gioco ai giochi di ruolo cartacei abbiamo, da poco, deciso di giocare ad Apocalypse Slayers un gioco di ruolo creato da Luca Volpino della Wild Boar. Il tema, come si dovrebbe capire dal nome del gioco verte su un’apocalisse che ha sconvolto il mondo e i personaggi dovranno, ovviamente, cercare di sopravvivere alla fine del mondo. Ci sono varie apocalissi tra cui scegliere, quella zombi, quella degli alieni e quella degli angeli. Quest’ultima è presente in un volume separato scritto dal mitico Luca Tarenzi. In pratica le regole di base restano le stesse ma ci sono regole aggiuntive per ogni apocalisse, per esempio come si fa a diventare zombi durante l’apocalisse zombi, ecc… Noi stiamo giocando alla versione zombesca del gioco, almeno per ora. E ci stiamo divertendo molto. Abbiamo fatto solo due sessioni di gioco finora, abbastanza introduttive e dobbiamo ingranare ancora per bene, sia io che sono il Master sia loro che giocano. Sto iniziando a pensare nei minimi dettagli delle prossime sessioni. Poveri loro! Per quanto riguarda il sistema di gioco, è molto essenziale e  ed è basato sullo Slay Engine di Christian Kennig. Si gioca con un solo dado, il D20, le classi non sono molte, ma poi ci sono tanti talenti tra cui scegliere e l’equipaggiamento che gioca un fondamentale per le dinamiche del gioco. E’ tutto molto intuitivo. E non vedo l’ora di giocare questo fine settimana. I pg sono rimasti intrappolati in una sorta di sotterraneo scavato nella roccia e sopra ci sono gli zombie che… zombano… o fanno quello che fanno gli zombie e… chissà forse qualcuno dei png rinchiuso con i personaggi dei miei amici GDRGFè infetto… o forse no. Sicuramente, il rispetto a D&D o Vampire, qui si muore molto più facilmente. E una volta che sei morto ci sono due opzioni: 1) rimani morto 2) torni come zombi! Insomma è un bel gioco di ruolo, interessante e intuitivo e ve lo consiglio caldamente. slayers