Mad Dog intervista gli Hate After Rage

Ecco la terza tappa del blogtour degli Hate After Rage, con la loro intervista fatta dal demone Mad Dog.

hateafterrage

L’Inferno è proprio come lo descrivono. Fiumi di lava, fiamme eterne, dannati urlanti nel magma incandescente, sangue che sgorga a litri dalle pareti, musica infernale. Per la precisione le canzoni di un noto giovane cantante canadese che è diventato famoso in tutto il mondo grazie a Youtube. Su un trono fatto di ossa umane si trova assiso un demone cornuto, la cui pelle è formata da piccole scaglie d’osso rosse come il sangue che abbonda in questo luogo. Questo diavolo, il cui nome è Mad Dog, ed è il vostro intervistatore sta tenendo le sue grandi mani strette sulle orecchie e urla:
“Mi sta uscendo il cervello dalle orecchie! Quando avevo detto di mettere della musica infernale intendevo gli AC\DC non questa schifezza! Qualcuno metta Highway to the hell!”
La voce gutturale e profonda di questo signore degli inferi è perentoria e presto si cambia registro e iniziano le note della famosa canzone del gruppo che piace tanto a Tony Stark.
“Ora si che va meglio.” Dice Mad Dog togliendosi le mani imbrattate di cervello dalle orecchie. “Io sono Mad Dog, il demone ribelle… (Ricordo ai gentili perversi lettori e alle gentili ninfomani lettrici che il mio Antro delle Feste e Baccanali™ è aperto venticinque ore su ventiquattro, tutti i giorni, nei 366 giorni di ogni anno, prezzi modici, anime ed hentai in vendita nel reparto shopping). Chi siete voi? Non siete il mio pranzo vero? No, mi sembrate un gruppo metal, non siete gli Una Direzione. MUAHAHAHAHAHAHAHAHAH.”

Siamo gli Hate After Rage, un gruppo metal pontino fondato nel 2011 e per il pranzo caschi male perché ti rimarremmo sullo stomaco!

“Quindi metal. Mi piace. Qui all’Ade, per quanto io non ci venga così spesso come si potrebbe pensare, apprezziamo la buona musica ma siamo soliti mettere, per castigare i dannati, le canzoni di quello che avete sentito prima o di quel cantante secondo cui è una meraviglia quando i bambini fanno strani ululati… Dicevamo il metal… sfatiamo questo mito che il metal vada a braccetto con il satanismo! Non è vero. Ripudiamo questo accostamento cattolico! Si, ok, a noi demoni piace il metal, ma ci piace anche il rock… e i Muse, qui adoriamo i Muse! Però quando dobbiamo fare i sacrifici umani usiamo la musica classica, ci sta meglio con l’atmosfera… e voi cosa ne pensate di questo accostamento? Come mai avete scelto proprio il metal? Cosa vi ha influenzati per scegliere questo genere musicale, quali artisti? Non potevate, non so, scegliere di fare tipo quello che facevano i mitici Aqua? Io ho visto cose che voi poveri mortali non potete nemmeno immaginare! Conosco così tante cose che non potrebbero entrare in tutti i vostri cervelli messi insieme! Quindi ditemi, dato che non conosco molto la musica di voi umani, quali sono i gruppi metal che hanno fatto la storia del genere, per voi? Poi se volete possiamo parlare della musica di noi demoni, il genere che preferisco è quello chiamato umano nel senso che usiamo i vostri corpi come strumenti… che ancora si contorcono! MUAHAHAHAHAHAHAHAHAH”

Il metal sta al satanismo come Gigi D’Alessio sta alla camorra. In effetti hai ragione, originariamente volevamo metter su una cover band degli Aqua, ma analizzandoli bene li abbiamo reputati un po’ troppo estremi. Sicuramente tra i grandi fondatori del metal non possiamo non citare Martufello e la mitica Cristina D’Avena, poi ci sono stati gruppetti di minore importanza quali i Black Sabbath, i Metallica e gli Iron Maiden.

“Ma parliamo un po’ di voi fragili mortali. Come e quando avete creato questo vostro gruppo? Perché? E quale oscuro significato si cela dietro il vostro nome Hate after Rage? Forse è un modo per protestare contro la mercificazione dell’arte nell’impero capitalista degli USA in occidente? No, probabilmente no. Scusate è che ho mangiato un comunista a colazione e qualche volta ritorna su!”

Il gruppo è stato fondato nel 2011; in origine eravamo 4 grezzoni (il bassista, il batterista ed i due chitarristi, dei quali uno era anche l’unico cantante e che oggi si occupa degli scream) e così abbiamo pensato di prendere una cantante donna, per dare quel tocco di presentabilità in più specialmente nei live (ed anche per eccesso di testosterone). Sfortunatamente la nostra immagine da questo punto di vista non ne ha guadagnato granché. Il perché del nostro nome? Bè rappresenta l’odio, la rabbia, la repressione giovanile, l’impossibilità di fare qualcosa sono riassumibili in uno sfogo… vabbè insomma, la verità è che tutti gli altri nomi erano già stati presi.

“Ma parliamo del vostro ultimo cd… di cui non mi ricordo il titolo era uccidere qualcosa… mi piace comunque l’idea! Sapete a me piace squartare, sbudellare, insomma quelle genere di cose. Dicevamo di questo vostro album… qual è stata la sua genesi? E perché qualcuno dovrebbe comprarlo? E dove lo posso comprare? E mi passate quello stinco di vincitore degli anni ’90 di un noto festival della canzone italiana dimenticato da eoni? Sapete parlare mi mette fame! MUAHAHAHAHAHAHAHAHAH”

Il CD è la raccolta di tutti i brani scritti in questi anni e rappresenta anche l’evoluzione stilistica del gruppo. Il disco si può comprare o ascoltare su tutti i principali store online (iTunes, Play Store, Spotify, Soundcloud, Amazon…) o potete richiedere direttamente a noi una copia fisica semplicemente contattandoci sulla nostra pagina Facebook; una terza alternativa per averlo è provare a rubarlo durante un nostro live, ma questo richiede una buona agilità e dovreste fare in modo che noi non ce ne accorgiamo, altrimenti vi scaglieremmo contro Andrea nudo!

“Ancora rimanendo sull’album… soprattutto su una sua canzone, quella dal titolo Black Friars… mi chiedevo ma forse è un omaggio ad una serie di libri gothic fantasy che apprezzo pure io? Forse c’è troppa storia d’amore e, cazzo, ormai pure io che mi scordo pure come mi chiamo so quanto siano belli i capelli biondi di Axel, però sono proprio libri che mi piacciono. Sapete sono stato in vacanza qualche volta nella Vecchia Capitale… si mangia e si fotte divinamente specie in quel posto… il Presidio!”

Colpito e affondato! La canzone prende ispirazione dalle atmosfere gotiche e romantiche della stupenda saga di Virginia De Winter, che abbiamo avuto il piacere di conoscere e che salutiamo.

 

“Toglietemi una curiosità… ma com’è essere una band metal nel vostro paese diversamente democratico e troppamente bigotto? Poi se vi capitasse la possibilità di andare a Sanremo ci andreste?”

Fare metal in questo paese di merda è difficile, ma fare qualsiasi cosa in questo paese di merda è difficile! Piuttosto che a San Remo preferiremmo essere ospiti alla prova del cuoco.

“Siete morti. No, non qui ora. Sarebbe proprio malvagio. Cioè ho ascoltato il vostro album ora mentre mi annoiavo a farvi queste domande. Siete bravi, avete decisamente talento. Mi piacciono le vostre canzoni! E non vi preoccupate il compenso rimane lo stesso. Lo so che i complimenti che faccio io sono valutabili a peso d’oro ma per questa volta sono gratis, per voi. Poi spero che le dieci modelle gnocche vergini siano pronte come avevamo pattuito… ci tengo al fatto che i pagamenti siano precisi! Dicevamo, purtroppo siete morti. La classica morte dei musicisti, un pianoforte, in questo caso cinque, in testa, contemporaneamente. Una morte usuale nel vostro ambiente da quel che mi dicono dalla regia nel mio augusto cervello. Chissà chi avrebbe mai potuto escogitare un piano del genere per farvi fuori per vendicarsi di un pagamento mai avvenuto, chissà quale demone! Ma dicevamo, ormai siete spiaccicati. Come sarà il vostro funerale? Non so perché ma vedendovi direi qualcosa nello stile vichingo?”

Funerale? Ma quale funerale, noi abbiamo fatto un patto con Satana per l’immortalità!!! Dovendo proprio scegliere, un funerale vichingo farebbe proprio al caso nostro.

Pensavo che il patto standard per voi musicisti fosse quello “Gloria, Sesso, Rock & Roll e morte a 27 anni…” ma forse voi avete fatto il patto detto “Mick Jagger”.

“Cosa ne pensate di me, il superbo Mad Dog? Il demone più sexy, lussurioso e famelico del web? Attenti che potrei anche evitare che vi cadano dei pianoforti in testa nel futuro… i complimenti mi fanno sempre piacere! MUAHAHAHAHAHAHAHAH”

Diciamo che con i demoni ci sentiamo sempre a nostro agio, d’altronde suoniamo metal, no? Se dovessimo individuare un tuo pregio che salta all’occhio facilmente diremmo sicuramente la modestia.

“L’intervista purtroppo finisce qui, so che vorreste continuare perché io sono così figo che non si può non continuare, però mi attendono al Baccanale, sapete, sono l’ospite d’onore, devo presenziare a certi… riti dionisiaci… ecco, ora vi rispedisco a casa così fate un altro album basandovi sulla mia possente figura e sui miei molti attributi maschili! Ah se passando attraverso il portale trovate qualche divinità abissale che vuole venire a cena con voi… rifiutate, non pagano mai, sono certi tirchi! Cthulhu poi non vi dico! Quindi ci sentiamo presto mortali… spero che l’intervista sia stata di vostro gradimento… MUAHAHAHAHAHAHAHAHAH!”

Grazie per averci ospitato, ci mettiamo subito al lavoro per un nuovo album ispirato ai tuoi numerosi attributi maschili.